gertz/ dicembre 10, 2018/ News

Chi si sposa in inverno deve sapere che il trucco è diverso rispetto a chi decide di sposarsi in estate. I colori variano e le tonalità sono piu’ fredde: argento, oro, malva, marrone e nero.

Mak up naturale

Il make-up da matrimonio deve esaltare  la bellezza naturale della donna, deve valorizzare in modo sobrio ed elegante i tratti somatici. Una pelle matura ha bisogno di più’ attenzione rispetto a una pelle più giovane. Prima di tutto scegliete fondotinta e correttori della tonalità simile alla vostra cute, sono indicati quelli liquidi e non in polvere perchè tendono a marcare i segni del tempo. Per attenuare le zampe di gallina potete utilizzare i primer siliconici, se invece la vostra pelle fosse grassa o mista utilizzate primer opacizzanti.

Si al contouring

Il countouring è una tecnica di make up che consente di correggere i difetti ed esaltare o modificare alcune  caratteristiche morfologiche del viso dosando luci ed ombre. Deve essere impercettibile e per esaltare gli zigomi e nascondere un mento troppo pronunciato è consigliata una terra illuminante. Luce per esaltare i pregi e ombre per nascondere i difetti.

Per gli occhi trucco naturale senza eccessi

Come prima cosa il trucco deve essere leggero e naturale, sono consigliate le tinte pastello ma anche  l’avorio, oro e marrone. Le tonalità devono essere trasparenti e brillanti da evitare quelle pesanti e opache. Le ciglie finte vanno bene l’importante che non siano troppo marcate, in alternativa si puo’ utilizzare un mascara a lunga durata volumizzante. E’ possibile adottare dei cosmetici dai ritocchi facili e che non sbavano in modo da essere sempre perfette in ogni foto.

…e le labbra ?

Se avete adottato un trucco pesante per gli occhi le labbra richiedono un colore rosa nudo, se invece gli occhi sono poco truccati  si puo’ optare per colori più decisi dalle tonalità arancione-corallo o marrone.

 

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*