gertz/ novembre 21, 2018/ News

Quante domande ci poniamo quando siamo in attesa di un bebé?

Quale metodo depilatorio é piu’ indicato? Posso fare la ceretta? L’ epilazione laser puo’ essere una soluzione? Devo usare solo lamette e rasoi? La depilazione rappresenta per la donna una routine che con la gravidanza non si interrompe. Nonostante la voglia di farsi belle e di curarsi, alcuni metodi di depilazione sono sconsigliati poiché potrebbero nuocere alla nostra salute e a quella del bambino.

METODI CONSIGLIATI:

OK lametta o rasoio. E’ il metodo più indicato durante la gravidanza, poiché taglia il pelo solo  in superficie. La lametta é meglio usarla sulla pelle insaponata , così scivola meglio e non si rischia di tagliarsi o irritare la pelle.

Ok all’epilatore elettrico. L’epilatore elettrico estirpa i peli ma senza traumatizzare i capillari, inoltre non c’è bisogno di aspettare la ricrescita, poiché gli epilatori di ultima generazione estirpano anche i peli  più corti favorendo un’operazione meno dolorosa.

OK ceretta ma solo a freddo. La ceretta è consigliata, ma solo con il metodo a freddo. Durante la gravidanza abbiamo una situazione vascolare e circolatoria meno favorevole, una maggiore pressione dell’utero sulle vene e un aumento del peso corporeo. Si consiglia di fare la ceretta sempre in un centro estetico. Negli istituti inoltre è possibile trovare prodotti a base di sostanze naturali molto delicate sulla pelle. Nessun problema invece ad usare le strisce depilatorie già pronte.

OK alla crema , ma con cautela. La crema depilatoria non arreca danni al bambino, poiché agisce solo a livello superficiale, ma nel corso dei nove mesi è consigliabile non utilizzare sostanze chimiche o utilizzarle con cautela, poiché la cute durante l’attesa è particolarmente sensibile e potrebbe irritarsi.

 Disinfettarsi prima e idratarsi dopo. Prima e dopo la depilazione è bene passare sulla pelle un disinfettante. I metodi come rasoi, lamette ed  epilatori elettrici potrebbero provocare lesioni sulla cute, mentre con i sistemi a strappo il follicolo resta dilatato e questo facilita l’ingresso di batteri. Dopo aver disinfettato e fatto asciugare la pelle, applicare una crema lenitiva e idratante. In alternativa, vanno bene le salviette imbevute di olio, in genere allegate nella confezione delle cerette.

METODI SCONSIGLIATI:

NO all’epilazione laser  e luce pulsata  . Questi due metodi definitivi sono sconsigliati in gravidanza ,entrambi utilizzano l’energia luminosa per colpire la melanina del pelo, impedendone così la ricrescita. Sostanzialmente il pelo viene rimosso dal bulbo e quindi non tornerà a crescere nuovamente. Ma proprio questo particolare azione è abbastanza pericolosa per il neonato presente nel grembo materno. Basti pensare alla luce che, trapassando senza danni la pelle di una donna, colpisce il feto: questa azione potrebbe comportare problematiche per lo sviluppo del feto stesso.

Le donne che invece stanno effettuando l’allattamento possono sottoporsi all’epilazione laser o alla luce pulsata. E’ sempre consigliabile, prima di procedere con questi due metodi, consultare il ginecologo in modo tale che il medico possa essere in grado di offrire una consulenza generale su eventuali rischi che potrebbero derivare dal trattamento, per esempio sul latte materno.

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*